Pubblicità

La miniatura italiana al Getty Museum

Vi vorremmo segnalare un volume molto interessante per la miniatura italiana:

Illuminated Manuscripts in the J. Paul Getty Museum

Thomas Kren – Kurt Barstow, Italian Illuminated Manuscripts in the J. Paul Getty Museum (Second Edition), Getty Publications, Los Angeles, 2015.

Apprezzata da collezionisti e amatori di tutto il mondo per il peculiare connubio di qualità artistica e magistero tecnico, la miniatura italiana può vantare nel J. Paul Getty Museum di Los Angeles una delle sue raccolte di eccellenza, le cui ricche e articolate dotazioni consentono oggi di ricostruire al meglio, nelle sue varie declinazioni, stili, forme e caratteri in cui le varie scuole e tendenze della miniatura si sono manifestate in Italia tra Basso Medioevo e Rinascimento avanzato.

Merito di una politica di intelligenti acquisizioni che ha reso indilazionabile, dopo gli arrivi più recenti, una seconda edizione del prezioso manualetto di Thomas Kren e Kurt Barstow, impreziosito per l’occasione di un corposo apparato illustrativo che rende degnamente onore allo splendore dei capolavori del museo.

Opere già ben note come il Breviario di Montecassino, le bellissime Ore Gualenghi-d’Este e il Graduale miniato da Antonio da Monza per Santa Maria in Aracoeli. E opere ancora tutte da scoprire, come la Bibbia bolognese del XIII secolo (studiata di recente per ALUMINA 43 da Fabrizio Lollini) e i tre fogli del Laudario di Sant’Agnese, il più ambizioso progetto editoriale fiorentino della prima metà del XIV secolo.

Tra i nomi di spicco attivi sui fogli pergamenacei del Getty, artisti del calibro di Girolamo da Cremona, Pacino di Bonaguida e Pisanello, mentre al non meglio noto Maestro di Gerona, ancora tutto da studiare, si deve una delle più raffinate miniature della celebre collezione statunitense.

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • LinkedIn
  • del.icio.us

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

ABBONATEVI ORA

Categorie